itenfrdeptrues
Shopping cart 0 items Totale 0,00 €
 x 

Your shopping cart is empty!

Moringa oleifera albero miracoloso
Ask a question about this product

Moringa Oleifera - Pianta del Rafano

19,80 €
L'albero miracoloso: la moringa oleifera ha molti benefici per la salute e la bellezza e poche controindicazioni. conosciuta anche come albero del rafano, ha origini indiane ed è largamente diffusa nelle zone tropicali ed equatoriali.
La pianta può raggiungere i quattro, cinque metri di altezza ma se trova terreno idoneo e molto fertile la moringa oleifera può raggiungere i dieci metri. Resiste bene in carenza di acqua e a periodi di freddo che devono però essere assolutamente brevi, pena una scarsa fruttificazione della pianta.

Proprio le sue foglie, per via del loro contenuto di sostanze nutritive benefiche, hanno permesso alla moringa di ricevere la fama di potente rimedio naturale per la salvaguardia della salute. Tutta la pianta risulta commestibile, ma sono soprattutto le sue foglie ad essere impiegate per l'alimentazione umana.
Ciò avviene per via della loro ricchezza di vitamine, proteine e sali minerali.

Le foglie di moringa possono essere consumate crude nelle insalate, oppure cotte, come faremmo nel caso degli spinaci. Le foglie di moringa si distinguono per il loro elevato contenuto di vitamine e di sali minerali: contengono il triplo del potassio rispetto alle banane e 8 volte la vitamina C presente nelle arance. La moringa contiene inoltre vitamina A, vitamina E, vitamina K e vitamine del gruppo B.

Disponibilità: Non ci sono più prodotti in magazzino!

L'albero miracoloso: la moringa oleifera ha molti benefici per la salute e la bellezza e poche controindicazioni. conosciuta anche come albero del rafano, ha origini indiane ed è largamente diffusa nelle zone tropicali ed equatoriali.
La pianta può raggiungere i quattro, cinque metri di altezza ma se trova terreno idoneo e molto fertile la moringa oleifera può raggiungere i dieci metri. Resiste bene in carenza di acqua e a periodi di freddo che devono però essere assolutamente brevi, pena una scarsa fruttificazione della pianta.
 
Proprio le sue foglie, per via del loro contenuto di sostanze nutritive benefiche, hanno permesso alla moringa di ricevere la fama di potente rimedio naturale per la salvaguardia della salute. Tutta la pianta risulta commestibile, ma sono soprattutto le sue foglie ad essere impiegate per l'alimentazione umana.
Ciò avviene per via della loro ricchezza di vitamine, proteine e sali minerali.
 
Le foglie di moringa possono essere consumate crude nelle insalate, oppure cotte, come faremmo nel caso degli spinaci. Le foglie di moringa si distinguono per il loro elevato contenuto di vitamine e di sali minerali: contengono il triplo del potassio rispetto alle banane e 8 volte la vitamina C presente nelle arance. La moringa contiene inoltre vitamina A, vitamina E, vitamina K e vitamine del gruppo B.
 

La moringa come alimento umano - tavola comparativa del contenuto nutritivo delle foglie di Moringa oleifera con altri alimenti per ogni 100 gr di parte commestibile

  Moringa Carote
Vitamina A (mg) 1130 315
  Moringa Arance
Vitamina C (mg) 220 30
  Moringa Latte di vacca
Calcio (mg) 440 120
  Moringa Latte di vacca
Proteine (mg) 6700 3200
  Moringa Banane
Potassio (mg) 259 88

(C. Gopalan et al. 1994, Nutritive Value of Indian Foods, Istituto Nazione di Nutrizione, India)

 

Il potere nutritivo dell’albero del rafano
Altamente proteiche, le foglie vengono abbondantemente consumate come alimento, ad esempio crude in insalata hanno un gradevole gusto leggermente piccante o anche cotte come una comune verdura a foglia verde.
Ed è proprio per il loro potere nutritivo che le foglie di moringa oleifera vengono consigliate come alimento energetico sia in gravidanza sia durante l’allattamento, soprattutto laddove la ristrettezza economica non consente alle future madri altro tipo di integrazione e in tutte le situazioni in cui il fisico ha bisogno di un sostegno in più.
 
Utilizzo
 
Semi dei baccelli maturi: molto nutritivi, vanno bolliti per alcuni minuti in acqua leggermente salata. Al termine, si apre la guaina e si estraggono i semi già pronti da mangiare. Il sapore è simile a quello dei ceci. Possono essere consumati anche tostati.
 
Foglie tenere: bollite allo stesso modo, servono per minestroni e piatti vari. Crude si consumano in insalate. Il sapore è leggermente piccante.
 
Radici: la radice più grande degli alberi molto giovani (poco più di un palmo di altezza) è simile a una piccola carota. Il sapore è piccante e ricorda quello dei ravanelli.
 
Coltivazione
In giardino nel Centro-Sud Italia, in vaso nel Nord da proteggere d'inverno. Resiste per mesi alla siccità. Non va concimata né potata.
 
Semi di Moringa
 
L'olio estratto dai semi può essere usato per produrre saponi, lubrificanti e cosmetici dal valore equivalente a quelli prodotti con l'olio di oliva, e quindi piuttosto elevato.
L'uso più famoso della pianta è quello di depurazione dell'acqua tramite i semi.
La farina di semi di Moringa è un ottimo depuratore dell'acqua o di altri liquidi alimentari, avendo un eccellente potere flocculante: fissa ed assorbe (cattura fissando) i corpi batterici e le altre impurità in sospensione nel liquidi inglobandoli in fiocchi che poi precipitano al fondo, lasciando il liquido più limpido e depurato. Il potere flocculante è dovuto ad un polielettrolita particolarmente efficace. Tale proprietà di purificazione è ben nota nei luoghi dove spesso l'acqua non è pura.
 
Come cucinare la moringa oleifera
 
Della pianta però vengono utilizzati anche i fiori assolutamente commestibili, i frutti, i semi e con dovuta moderazione anche le radici. I fiori vengono aggiunti alle insalate, i frutti detti anche “mazze di tamburo” vengono fatti bollire per preparare zuppe dalle proprietà afrodisiache mentre dai semi, che possono essere consumati bolliti o tostati, si estrae un olio dal gusto molto gradevole, dolciastro, assolutamente adatto all’alimentazione umana da usare come condimento a crudo anche quotidianamente e con la particolare caratteristica che non irrancidisce. Dopo l’estrazione dell’olio la parte residua non viene gettata come scarto ma, data la ricchezza proteica, è consigliata sia per l’alimentazione umana sia animale.
 
È molto gradevole anche il miele che si ottiene dai fiori. Invece l’uso della radice deve essere moderato perché contiene un alcaloide che sembra interferire con la trasmissione nervosa. È quindi consigliabile attenersi al suo consumo come aromatizzante.
 
Proteine
 
Il contenuto proteico della moringa riguarda in particolar modo i suoi semi. Da essi viene estratto un olio molto saporito e adatto all'alimentazione umana. L'olio di moringa presenta una caratteristica molto importante: non irrancidisce. Dopo l'estrazione dell'olio, dai semi si ottiene una pasta residua dall'elevato contenuto proteico, che risulta completo: presenta cioè tutti gli aminoacidi necessari al nostro organismo per il proprio corretto funzionamento. La moringa contiene 18 aminoacidi e 9 aminoacidi essenziali

 

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
 
Vivaio: Loc. PIanaccio di Mondavio (PU) Tel. 0721.736257 - Flavio: 3339725766 - Fabio: 338.3757050
Il vivaio è aperto dal lunedi al sabato, dalle ore 8.00 alle 12.00 dalle 14.00 alle 18.00 - sabato pomeriggio su appuntameno !
 
Siamo esperti del settore da oltre 70 anni, tutte le nostre piante hanno certificato fitosanitario della Regione Marche,
disposte nei teli antigrandine e puntogoccia !!! La qualità prima di tutto !!! Entra nella vendita online