itenfrdeptrues
Shopping cart 0 items Totale 0,00 €
 x 

Your shopping cart is empty!

corniolo_4cb5fa407f92a.jpgcorniolo_4cb5fa407f92a.jpg
Ask a question about this product

corniolo

9,90 €
Il corniolo da frutto è un albero coltivato nei giardini anche a scopo ornamentale. Allo stato spontaneo è presente in quasi tutti boschi soprattutto in quelli dell’Appennino.

I rami, durante il periodo della fioritura, si ricoprono di infiorescenze om

Disponibilità: Non ci sono più prodotti in magazzino!

Il corniolo da frutto è un albero coltivato nei giardini anche a scopo ornamentale. Allo stato spontaneo è presente in quasi tutti boschi soprattutto in quelli dell’Appennino. I rami, durante il periodo della fioritura, si ricoprono di infiorescenze ombrellifere di colore giallo o bianco riunite in tanti mazzetti. Dopo la fioritura fanno la comparsa numerose foglie verdi, ovali e con apice appuntito. a coltivazione del corniolo al giorno d’oggi è realizzata principalmente a scopo ornamentale come esemplari singoli o come siepi ma non mancano i piccoli frutteti. La pianta ha un bell’aspetto, le foglie sono di forma ovata con margine acuminato, aventi nervature di colore più scuro che convergono verso l’apice, tomentose sia sulla pagina superiore che su quella inferiore, opposte e di colore verde-grigio più scuro sulla pagina inferiore, hanno una lunghezza fino a 10 cm. Hanno origine da un breve piccolo anch’esso tomentoso. Le ramificazioni sono di colore rossiccio, la corteccia in particolare sul tronco risulta profondamente solcata e screpolata e spesso si distacca in scaglie. È nel periodo autunnale che la pianta mostra le sue potenzialità, le foglie assumono una colorazione rosso porpora molto attrattiva. La bellezza della pianta si ripresenta a cavallo tra l’inverno e la primavera con la produzione di meravigliosi fiori di colore giallo che compaiono sulle ramificazioni prima delle foglie. I fiori sono ermafroditi, piccoli e raccolti in ombrelle che hanno una larghezza di circa 2 cm. In seguito alla fioritura si hanno i frutti commestibili chiamati corniole, delle drupe di colore rosso acceso, hanno una forma ellittica sono lunghi circa 2-2,5 cm e al loro interno è presente un nocciolo duro; possono essere raccolti alla fine del periodo estivo. Alcune varietà di Corniolo si distinguono per il colore dei frutti che può essere bianco-giallo o giallo intenso. Tipo di terreno Il terreno ideale per il Corniolo deve essere di medio impasto con una buona dotazione di nutrienti e con un pH possibilmente neutro, sono tollerate oscillazioni a 6,5 e 7,5. Sono da escludere tutti i terreni compatti che ostacolano il drenaggio dell’acqua e i terreni con eccessiva acidità. La pianta di corniolo si adatta bene ai terreni argillosi e pesanti purché ben drenati, l’umidità del terreno deve essere piuttosto bassa anche se una buona disponibilità idrica durante la fase di fruttificazione aumenta la qualità del raccolto. In natura la pianta cresce in terreni sassosi e sabbiosi ricchi di scheletro e relativamente poco fertili. Esposizione Il corniolo predilige esposizioni soleggiate ma tollera anche posizioni in mezza ombra. Per quanto riguarda il clima non ci sono particolari accorgimenti da tenere presente, la pianta è rustica e resiste bene alle basse temperature. Si raccomanda per la coltivazione un luogo piuttosto riparato per evitare che le intemperie possano danneggiare la vegetazione. Tecnica di impianto Le diverse cultivar si differenziano oltre che dalla colorazione del fogliame anche dalle dimensioni finali raggiunte dalla pianta. Queste differenze sono importanti in quanto influenzano i sesti di impianto, le cultivar più compatte possono essere coltivate a 3 m di distanza tra le file e le piante, mentre per quelle più vigorose è necessario aumentarle a 5 m. La messa a dimora si effettua prima dell’inizio dei freddi intensi nel periodo autunnale. Il terreno può essere lavorato interamente per le colture più estese apportando del letame maturo, operazione che è preferibile fare nel periodo estivo. In alternativa si possono realizzare direttamente le buche e apportare al momento del letame ben stagionato in ragione di 15-18 kg per pianta. In genere le piante sono prelevate direttamente in vivaio disponibili a radice nuda o in zolla. Per la propagazione del Corniolo è possibile utilizzare le tecniche di innesto a gemma dormiente e l’innesto a spacco. Accorgimenti colturali La pianta di corniolo ha bisogno di pochi accorgimenti, se si rispettano le sue esigenze in fatto di esposizione, umidità del terreno, tessitura non bisogna preoccuparsi troppo, saranno necessario solo delle irrigazioni di soccorso nei periodi di caldo intenso e delle concimazioni periodiche. Irrigazione L’irrigazione del corniolo viene effettuata nei periodi di caldo maggiore e all’inizio della formazione dei frutti fino al momento della raccolta. L’irrigazione permette una maggiore qualità dei frutti e un raccolto più abbondante. In estate vengono annaffiate le piante mantenendo il terreno umido ma mai creando ristagni idrici intervallando gli interventi quando la superficie alla base della chioma secca. Le piante in fase di allevamento avranno bisogno di maggiore dotazione di acqua nei primi anni di crescita si cominceranno le innaffiature già dal mese di aprile o anche prima se il caldo è precoce, si continueranno fino alla fine dell’estate e si sospenderanno con l’inizio delle piogge autunnali. Corniolo in salamoia. Raccogliete i frutti quando sono ancora un po' acerbi, lavateli e asciugateli bene. Salate abbondantemente dell'acqua (la quantità di sale giusta è quella che permette a un uovo crudo di galleggiare nell'acqua) e aggiungetela ai frutti fino a coprirli appena. Unite un pizzico di semi di finocchio e qualche foglia di alloro e chiudete ermeticamente. Conservate il preparato al buio almeno per un mese, trascorso il quale potete consumare i frutti dopo averli sciaquati abbondantemente. Salsa di corniolo. Schiacciate bene 2 chili di cornioli, eliminando i noccioli. Mettete la polpa ottenuta in un tegame con aceto, sale e pepe e lasciate bollire per circa due ore. Trasferite il tutto in un vasetto di vetro, chiudetelo ermeticamente e fatelo bollire per 10 minuti. Ottima servita con carni arrosto. Confettura di corniolo e petali di rosa. Ammorbidite mezzo chilo di frutti cuocendoli a fuoco basso in un tegame coperto. Schiacciateli in un setaccio, eliminate i noccioli e recuperate tutto ciò che rimane nel setaccio con poca acqua bollente. Versate il tutto su 100 grammi di petali di rosa e lasciateli macerare per mezz'ora. Trasferite sul fuoco e unite 150 grammi di zucchero e 1 mela sbucciata, ma ancora con i suoi semi. Lasciate cuocere finché non raggiungerà la consistenza di una marmellata. Quando è ancora bollente, trasferite la confettura in barattoli di vetro precedentemente sterilizzati (20 minuti in forno a 100 °C). Corniolo e perette allo sciroppo. Lavate 1 kg di pere (o mele) selvatiche e un pugno di frutti di corniolo e bucateli più volte con un stuzzicadenti. In una pentola sciogliete 750 grammi di zucchero in 250 ml di acqua. Quando la soluzione inizia a bollire aggiungete per e corniolo e lasciate sul fuoco per altri 30 minuti. Coprite la pentola e lasciate riposare per 12-14 ore, poi fate cuocere per altri 10 minuti e trasferite il tutto, ancora caldo, in barattoli di vetro già sterilizzati. Liquore alle corniolo. Raccogliete i frutti verso la fine di agosto e lasciateli macerare in una soluzione di grappa e zucchero per alcune settimane. Filtrate e aggiungete acqua fino a che avrete raggiunto la gradazione alcolica desiderata.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
 
Vivaio: Loc. PIanaccio di Mondavio (PU) Tel. 0721.736257 - Flavio: 3339725766 - Fabio: 338.3757050
Il vivaio è aperto dal lunedi al sabato, dalle ore 8.00 alle 12.00 dalle 14.00 alle 18.00 - sabato pomeriggio su appuntameno !
 
Siamo esperti del settore da oltre 70 anni, tutte le nostre piante hanno certificato fitosanitario della Regione Marche,
disposte nei teli antigrandine e puntogoccia !!! La qualità prima di tutto !!! Entra nella vendita online